Stornelli del Padule

Caterina Bueno

Canti d’Amore e d’Anarchia – Caterina Bueno.
Chitarra: Antonio De Rose – Flauto: Claudio Censi.

Stornelli ritmati che nell’800 venivano intonati in coro nel Padule di Fucecchio(Il Padule di Fucecchio era un grandissimo acquitrino toscano, dove le donne lavoravano tagliando la “sala” (arbusti usati per impagliare i fiaschi), bonificato poi negli anni ’30 ) dalle giovani donne lavoratrici durante la raccolta del sarello, la tenace fibra vegetale con cui un tempo s’intrecciavano stuoie, ceste e cappelli. L’apparente spensieratezza del canto cela ed esorcizza l’amara realtà di una vita segnata dalla cruda esperienza d’una fatica immane, grazie al cui sebben misero ricavato le povere ragazze potevano racimolare parte della dote necessaria per maritarsi, come d’usanza all’epoca.

Purtroppo, a causa delle numerose malattie endemiche che infestavano allora quegli acquitrini putridi e melmosi, molte di loro non arrivarono mai al giorno delle nozze.

TESTO

Mamma non mi mandà fori la sera
so’ piccolina e nun mi so badare
c’è i giovinotti fori di maniera
noiosi mi vorrebbero baciare

E quando vedo te
io chiudo gli occhi pe’ nun te vedè
e quando ti vedo là
io chiudo gli occhi pe’ nun te guardà

Mamma non mi mandà alla fornacina
ce l’hanno costruiti tre cancelli
quello di mezzo ci passa il padrone
quelli alla proda i giovinotti belli

E quando vedo te
io chiudo gli occhi pe’ nun te vedè
e quando ti vedo là
io chiudo gli occhi pe’ nun te guardà

Mamma non mi mandare a Lamporecchio
perchè ce n’è di Stabbia e del Padule
mi dican le cosine in un orecchio
le man voglian tenè sotto al grembiule

E quando vedo te
io chiudo gli occhi pe’ nun te vedè
e quando ti vedo là
io chiudo gli occhi pe’ nun te guardà

Mamma non mi mandà fori la sera
so’ piccolina e nun mi so badare
se putacaso trovo un militare
o mamma mi potrebbe rovinare

E quando vedo te
io chiudo gli occhi pe’ nun te vedè
e quando ti vedo là
io chiudo gli occhi pe’ nun te guardà

O mamma mamma nun la rigirare
col dirmi – Devi fare o’un devi fare –
Nun me lo dire più – Lavora bimba! –
So’ piccolina e là gioco alla donna

E quando vedo te
io chiudo gli occhi pe’ nun te vedè
e quando ti vedo là
io chiudo gli occhi pe’ nun te guardà.