Si Maritau Rosa

Canto Popolare Siciliano

Di cosa parla la canzone? Essa fa riferimento ad una consuetudine molto in voga, un tempo: facendo infatti un piccolo salto nel tempo all’Ottocento o ai primi del Novecento, possiamo riscontrare una particolare tradizione che stabiliva un dictat al quale, peraltro, era difficile che le famiglie (e specialmente quelle di estrazione contadina) si sottraessero: esse dovevano infatti crescere le proprie figlie femmine fondamentalmente al fine di condurle in salute all’età da marito, periodo fondamentale della vita durante il quale soltanto esse, munite di dote, potevano convolare a nozze.  [Fonte: strettoweb.com]

TESTO:

Vinni la primavera
Li mennuli sù ‘ciuri
Lu focu di l’amuri
Lu cori m’addumò…

L’aceddi s’assicùtunu
Facennu discurseddi
Ah, quanti cosi beddi
Ca mi fannu sunnà!

Si maritau Rosa
Saridda e Pippinedda
e iù, ca sugnu bedda
Mi vogghiù marità…

Oh quanti, quanti giuvini
Passunu pi sta strata;
Nuddu di ‘na vardata
Digna la casa mè.

Oh Diu, tra peni e lacrimi
Si sfadda la me vita
Mi vogghiu fari zita
Mi vogghiu marità.

Si maritau Rosa
Saridda e Pippinedda
e iù, ca sugnu bedda
Mi vogghiù marità…

Quannu a nutturna portunu
‘Ntra lu quarteri miu
M’affaccia ‘nu disiu
Nun pozzu cchiù durmì.

Alleggiu alleggiu apru
A porta a vanidduzza
Vidu ca é pp’Annuzza
E tornu a lacrimà!

Si maritau Rosa
Saridda e Pippinedda
e iù, ca sugnu bedda
Mi vogghiù marità.