Racconti & Tradizioni: La pecora e la serpe di Bucigna

Estratto dal documento d’Archivio Réseau Tramontana.

Temi: 2.Dalle capre alle vacche: gli animali e l’immaginario.

Testimone/i: Dino Magherini e Corinna Mugnai.

Ricerca e registrazione: Marco Magistrali, Filippo Marranci
Luogo e data: Rufina (FI), Toscana, ITALIA, 15 maggio 2013.

Trascrizione:

Marco: Voi che avevate le vacche l’avete mai sentita una storia della serpe che s’attacca alla mammella della vacca e gli porta via il latte?
Dino: Alle pecore parecchio! Alle pecore anche allora, n’ho badate poco io perché, gliel’ho detto, dopo mi toccò fa’ da omo invece che da ragazzo, e la pecora l’era … l’avèa più latte, se n’avèa ‘na quarantina … s’arrivàa a mungila la sera e facèa i’ mi’ pòero babbo, dice: “Oh la Ninnì! La sera ‘un n’ha nulla ‘hesta pecora di latte” “Boh!” dico “serà …” “allora s’eva quacche agnellina che si rilevàa insomma la và a poppa’ quacche altra agnella”. Po’ un giorno quanda … perché la serpe, dice, l’ha delicatezza che gnene dà più volentieri che a un agnello la poppa. E l’era giù in fondo nei campi e comincia a belare sta pecora. Dico: c’ha ella? E io allora stèa attento in dòe l’andèa, insomma. Dopo un pezzetto s’arrìa: una serpe ma grossa così, eh! E lunga sarà stata un metroevventi o anche un po’ di più, la si riavvitorcola alla gamba, capito?! E pe’ non dare a cosàgli, perché io il bastone, capito … insomma non la potètti pigliare, perché se gli dèo proprio e stroncavo la gamba a la pecora. Ma insomma e l’andètte, da qui giorno in sùe …. stètti attento con lei. Ma tanti l’hanno viste, perché la serpe pe’ il latte… le ‘nfilano anche ‘n casa, senno troàte anche a Turicchi.
Corinna: io l’ho trovate a Turicchi! Ahia!
Dino: e s’andèa dietro la sera la mi fece un urlo: “Ci ho la serpe! Ci ho la serpe” “Sì” dico, “la serpe l’é costì” ci s’avèa tre o quattro scalini a sali’ ‘n casa, l’ha salìo gli scalini e l’era andata … perché …
Corinna: No, avèo disfatto il letto, e gli avèo (…) in un cestello e allora si vede le andàa dentro lì dentro.
Dino: No no
Corinna: Sì sì
Dino: s’avèa le mucche anche a Turicchi …
Corinna: insomma questo cestello lo portai, si dice in sala, in salotto, la sera vò a chiudere la sala e vedo questa serpe, veggo questa serpe, dico: Oh! Dino c’è una serpe, Dino c’è una serpe. Allora avevo la sòcera e i’ sòcero vivi. E vennero “in do’ l’é? Corinna, in do’ l’é?” “Gli è lì intorno alla gamba, è lì intorno alla gamba”
Dino: della tavola
Corinna: della tavola! E lui “sì e l’é costì, l’é costì la serpe, sì, sì, sì la c’é, la c’é” e c’era una zia in casa, “Zia vieni a vedere, vieni a vedere l’è alla gamba de….insomma c’era davvero, una serpe avvitorcolata alla gamba nella tavola. E insomma capisci che paura, Mimma? Mamma mia! Te l’aèo mai raccontato?…