Picarielli – A STA’ FUNTANA

Picarielli – A STA’ FUNTANA
(M. Di Domenico – A. Autuori)

https://www.picarielli.com

Esiste un’ antica leggenda per gli innamorati,ambientata a Salerno nel XXV secolo:si tratta della storia della bella Antonella e della fontana di via san Benedetto,presso la quale s’ incontrarono per la prima volta Antonella,ancella della regina Margherita di Durazzo, e il nobile cavaliere Raimondo.
I due giovani perdutamente innamorati furono privati del loro amore da una damigella invidiosa.
Secondo la leggenda,se una ragazza salernitana,nel mese di agosto,dopo essersi bagnata le labbra e aver sussurrato queste parole:”anima della fontanella di Margherita,la regina bella,caccia le lacrime di Antonella,tradita dall’infame gemella”,vedesse arrestarsi il getto d’acqua e dopo poco cadere solo sei gocce,le basterà raccoglierle e conservarle per vedere avverato il suo sogno d’amore.

TESTO


Bella figliola ca lloc nce biv
t’abbagn’ ‘a vocc ‘a sta funtana
ta truvà lloc ‘o juorn just
rind’ e primm’ juorn’ ra aust.
Antonella giovana e bella
‘e margherita era l’ancella
teneva ‘na sora traditora
ca ce rumpett ‘o sogn’ r’amore.

Antonella niente teneve
vuleve Raimondo pe’ ‘nnamurat
ma rind’ ‘e tiemp’ in cui nascett’
a ess’ l’amor ce fui negat’
RIT.
A STA FUNTANA…lascia ca scorr’
sul sei gocce ponn’ abbastà
CU CHELLI LACRIME…antonella
a te l’amore te fa truvà
A STA FUNTANA…Miezz’ Saliern
sul sei gocce ponn’ abbastà
CU CHELLI LACRIME…’a giovan’ ancella
a te l’amore te fa truvà.

Bella figliola ca staije a Saliern’
e vai girann pe’ sta città
canusc’ ‘a leggenda e vai cammenan’
pecchè l’amore tu vuò truvà.
Sai che Antonella a chella funtana
a te t’aspetta pe’ t’aiuta
quann’ ‘e bevut’ aspiett’ nu poc’
piensa all’ammor e a u’ tuoije ‘nnamurat
Antonella fu sfurtunata
ma oggi a te te fà realizzà,
nu desiderie ‘e chell’ ammor
ch’essa è putut’ sul sugnà.