Nun si na nnammurata

Claudio Villa

ll Reuccio della canzone melodica, Claudio Villa, sempre più leader della VIS RADIO di Napoli incide il 28 luglio 1953 il brano “Nun si na nnammurata” , musica di Vian e versi di Arturo Duyrat per la Piedigrotta Abici di quell’anno. Disco 78 giri VI 4823 – lato A “Pasquale Militare”. Orchestra diretta dal M° Gino Conte. E’ una canzone pregna di sentimenti, l’innamorato ormai soggiogato dalla donna amata che fa tutto quello che lei gli dice. Il brano ebbe un buon successo e fu inciso, quasi in concorrenza, da Sergio Bruni, Giacomo Rondinella, Alberto Amato e Franco Ricci. Claudio Villa lo esegue con falsetto e gorgheggio con il solito finale alla Claudio Villa anche per rendere omaggio ad Antonio Viscione (VIAN ) il compositore di “Luna Rossa” che nel 1950 lanciò definitivamente Villa tra gli interpreti importanti della musica italiana.

TESTO

I nun sento ‘e giuramente
ca pe tte so cose ‘e niente.
Sento e credo sul’a ggente
ca mme dice ‘a verità.

Mo te saccio e st’uocchie miei
dint’a st’uocchie belli tuo,i
sanno leggere ‘o pensiero
quanno è scuro e ‘nfamità.

Tu nun si na nnammurata
comme credere vuò fa.
Si na rosa avvelenata
profumata ‘e vanità.

Si nun fosse pe stu core
ca s’attacca sempe ‘a te,
Io d’o mmale ‘e chist’ammore
me facesse na resata,
na resata e ssaie pecchè.

Tu nun si na nnammurata,
tu vuò bene sulo ‘a te.

Tu si bella e te ne vante
‘e capricce tuoi so tante.
mentre dice ca si chella
ca vuò ammore e niente cchiù.

Tu si ‘a solita Maria
ca ‘ncatena ‘a vita mia,
cu na semplice parola
faccio chello ca vuò tu.

Si nun fosse pe stu core
ca s’attacca sempe ‘a te,
Io d’o mmale ‘e chist’ammore
me facesse na resata,
na resata e ssaie pecchè.

Tu nun si na nnammurata,
tu vuò bene sulo ‘a te.