NASCETTE MMIEZ’ O MARE – Concetta Barra

Concetta Grasso (in Barra) (Procida, 11 febbraio 1922 – Napoli, 4 aprile 1993) è stata una cantante e attrice italiana, conosciuta principalmente per le sue interpretazioni in lingua napoletana.

Madre dell’attore e cantante Peppe nonché di Gabriele (suo accompagnatore musicale e ricercatore di canzoni popolari), si dimostrò capace di riportare alla luce l’antico repertorio musicale popolare della canzone napoletana.

TESTO


Nascette mmiez’o mare na scarola e ‎Michelemmà
comm’a storia ‘e sta città
io te la voglio raccuntà ‎
senza buscìa ma verità

Assaie bella è Michelemmà ‎
sulo bellezza pot’avantà, funiculì e funiculà
ma cu ‘a bellezza si vuò campà ‎
haie voglia sempe ‘e t’a suscià

Ah comm’a femmena pezzente senza dote e ‎senza niente
cu ‘a bellezza sulamente fa ‘o mestiere ‎malamente
accussì Napule-nà ‘o pentone sta sempe llà
arrisuolve sta jurnata cu ‘a pusteggia e ‘a ‎serenata.

Li Turche se la jocano, se la jocano a primera
sulo chesta è ‘a storia vera
chi ce pass’a sta città ‎
vere sì s’a po’ jucà

E nove rignante ce passajeno a cavallo
Napule ce facette ‘o callo
ogni vvota si cagn’o gioco ‎
ccà nce appennen’a si loca

Ah, cu ‘e Nurmanne e l’Angiuine s’affittaie sera ‎e matina
e si pave nu carlino vire ‘o scoglio ‘e Margellina
accussì Napule-nà na canzona è sta città
ca mentre ll’ate magneno essa te vò cantà

Biate chi la vence, chi la vence a sta figliola‎
meza turca e mo’ spagnola‎
quanne a vence ‘o rre di Spagna ‎
essa fotte e isso magna.‎

Chi è chi nunn’è, s’a pazzeiano ‘e vicerè
tu spuoglie a mme, io spuoglie a tte
po’ c’ho metteno addereto nu quartiere a via ‎Tuledo.‎

Ah, quant’è belle stu quartiere
va truvanno mo’ ‘o mestiere, ‎
sto’ mestiere ‘e pere rotte e ce vo’ chi fa ‘a ‎ricotta
e accussì Napule-nà na canzone fa’ cantà‎
spunta ‘a luna a Marechiare canta sempe ‘o ‎ricuttare.‎

Sta figliola è ‘na figlia, è ‘na figlia de nutare
Carlo terzo mò è cumpare
ca s’arape na cantina ‎
proprio miezz’a sta marina.‎

Stu rre Burbone s’a mparaie bbona ‘a canzone
canta lloco ca faie bbuono
mentre canta ‘a luna sponta ‎
io m’assetto a Capemonte

Ah, viva sempe sta cantina ‘e chitarre e ‎manduline
ca stu rre dà ogni matina feste e forca cu ‘a ‎farina
accussì Napule Nà festa e forca può magnà
si te piace sta canzone viva ancora ‘o rre ‎Burbone.‎

E m’pietto teneva na, teneva na stella diana
Garibbarde s’‘a pigliaie mmano
po’ facette ‘o ruffiano ‎
c’‘o scarpone italiano

Vene Savoia e se ‘nfila ‘a scarpa soia
c’‘o piluscio d’e berzagliere
ma cu st’autu canteniere ‎
ca se sta peggio d’aiere

Ah te dicette ‘o rre Vittorio mò te manna ‘o ‎sanatorio
voglio fa ‘o risanamento e t’o faccio ‘o ‎sbentramento
accussì Napule-nà sta luna nova può cantà
ca t’a vonno allarià peggio ‘e primma ‘a ccà e ‘a ‎llà.

Chi pe la cimma e chi la cimma e chi pe lu ‎streppone
lu streppone a lu patrone
ca pe ffà n’atu straviso ‎
t’‘a fa nera sta cammisa

Va la cimma ‘nterra e te lass’int’a na guerra
mmiez’a chillu serra serra
pe’ la cimma a Musullino ‎
e ‘o streppone ‘e marocchine

Ah, po’ s’arape n’autro chianche miett’ ‘acopp ‎si c’avanza ‎
tu ce cante “‘O sole mio” che sta nfront’ a chi ‎vvo’ Dio ‎
e accuss’ Napule-nà chistu sole non ce stà
mentre l’aria ro castielle è turnate ‎Franceschiello

Pe’ ffa murì, murì l’amante a doje a doje ognuno ‎ha fatt’ ‘e fatte suje ‎
e cu’ tutt’ chist’ amante ‎
si rummasa a lu vacante

Oggi chi t’’avanta ‘na canzona sempe canta ‎
che t’avvie o campusant ‎
ogni femmena e cchiù brutta ‎
quanne arrive stracque e strutta

Ah, sò sbarcate alla marina auti Turche cchiù ‎assassine
e a Pusilleco addiruso l’hanno fatto nu pertuso
sta città pe copp’a ll’onne chianu chiano mò ‎sprefonna
san Gennaro nun risponne ca stu sanghe nun nce ‎‎‘nfonna
e accussì Napule-nà a che serve cantà cchiù
vire Napule e pò muore, ca ce muore sulo tu.

Nascette miezz’o mare na scarola e ‎Michelemmà
nascette e po’ murette tant’ e tantu tiempo fa.‎