E figl so piezz ‘e core

Mario Merola

I figli… so’ pezzi ‘e core” è un film del 1981 diretto da Alfonso Brescia.

Tommaso Maffettone è un onest’uomo che tenta di sbarcare il lunario come scaricatore di porto e suonatore ambulante. Nonostante le difficoltà economiche, vive felice in un popoloso condominio assieme alla moglie Matilde. Quando la donna scopre di essere incinta, la coppia è al settimo cielo ma ben presto le cose precipitano, poiché a causa delle sue precarie condizioni fisiche la donna perde il bambino. Tommaso decide allora di adottare un neonato orfano, Feliciello, dicendo alla moglie che era il loro bambino e tacendole la tragica morte della loro creatura. Poco tempo dopo, Matilde muore e Tommaso resta solo con Feliciello da crescere. Si mostra come un padre premuroso e amorevole. Un giorno però il vero padre di Feliciello, il facoltoso Berisi, riesce a ritrovare il ragazzino e, approfittando della sua ricchezza e del suo potere, riesce a strapparlo a Tommaso.

La canzone: ‘E figlie (Libero Bovio – Ferdinando Albano) cantata da Mario Merola.

TESTO

Facitem’accapi ca ie so gnurante che so sti carte e che vuli’tame’
parlate chiare nazz’attute quante… ca tutte vonne senter’essape’
chie stu piccerelli e o figle mio
mo so livat’avocca pe cio dd’a’chelle ca sa’crisciute so statio
e nun ce legge ca mo po livaaaa

cantato
signoooooooo
e figlie ossaie che sso so pizz’ecore
e nun sann’alassa
cheste l’efatte tu ca si signore ma nu pezzente cheste nunn’offa’

parlato
denare e caggia fa cu sti denare
ie ca fatiche che me naggia fa’…
amo capisce tu a sti l’acreme amare tu ce vuo da nu prezze e bbuo pava’
e vuie ca state attuorne nun parlate
e tu ninnellu mio che dice tu alegge dice ca chiste mo te’pate

e ie nun so niente nun so niente chiu

cantato
signooooooo
e figlie ossaie che sso so piezz’ecore
e nun sann’alassa’
cheste l’efatte tu ca si signora ma nu pezzente cheste nunn’offa’

parlato
oje ninnu mio me lasse te ne vaie
e tu te scuord’eme e ie comme facce core mio
tuossaie ie copp’omunne tengo sul’atte’
astrigne forte forte sti bbraccelle
e nun me l’assa nun me puo l’assa
stasere so chiu belle stuocche belle e me guardene quasi quasi cu ppieta

cantato
signoooooo
e figlie ossaie che sso so pizze’ocore
e nun sann’alassaaaa

parlato
te puortatelle tu ca si signora
l’urtema vota mo vuo fa bbracciaaaaaaaaa!!!