La Giana

Luciano & Fernando Pavarotti

Luciano and his Father.

TESTO

La Giana fè bugheda,
Per incontrar il suo amor,
E la l’andò a lavare,
A l’acqua che non cor.

Pò la l’andò a sciugare,
A l’occhio d’un bel sol,
E la l’andò a piegare,
A l’ombra d’una nos.

La nos l’è tanto fresca,
Giana s’indurmentò.
Passò di là il suo amore,
Tre volte la baciò.

La Giana la si sveglia
La principiò a zigher,
“O tès, o tès, o Giana,
Ch’à te voi bein spusèr!

At voi fèr feer ’na vesta,
Di trentasèe culor,
E un puntolin di goccia
Sarà un mazzol di fior.

At voi fèr feer ’na scierpa,
Cun tótt i campanein
E quando andremo a spasso,
Faran dirin din dein!”

Clicca per votare l'esibizione
[Voti: 1 Media: 1]