L’uccellaro

Armandino Bosco

Questo non è Alvaro Amici, ne Vittorio Alesci, si chiama Armandino Bosco, scoperto 40 anni fa tra i vecchi borghi di Trastevere, precisamente tra i tavoli di Meo Patacca, dove lui cantava a soli 15 anni.

TESTO


C’è ‘na vecchietta d’ottantatre anni
Che da vent’anni lei disse “nun magno”.
C’ha ‘na gabbietta che è piena d’affanni
Ce so’ cresciute le tele de ragni.
“E mo c’ho ‘n uccello ardito,
Ma s’è ‘ndebbolito, sta tutto ‘ngrippato
Ma pperò nun canta più, bell’uccellaro provvedece tu”!
L’artro giorno su per il Tritone, sotto a quel lampione
Er venditor d’uccelli io me misi a fa’.
Da ‘na paina me ‘ntesi chiamà.
Lei me disse “figliolo mio bbello,
Io c’avrei malato l’uccello”.
Me feci dare la sua abbitazzione
Per curare l’uccello malato.
M’ero accorto però che er verdone
Stava bbene, ma s’era invecchiato.
Io je dissi “ma signora mia, buttetelo via
Che l’uccello è vecchio e nun ce la fa ppiù
Drento la gabbia nun vola più sù”!

Je l’ho dato un ber pettirosso
Era bbello, simpatico e grosso
E sartava di ggiorno e di notte
E tre gabbie aveva già rotte.
E mo’ tutte le matine
Questa signorina passa giù a bbottega
E me lo sta sempre a di’
“Nun c’ho mmai avuto ‘n uccello così”
“Nun c’ho mmai avuto ‘n uccello cosììììììììììììììì”!

Clicca per votare l'esibizione
[Voti: 0 Media: 0]