Lu braccial

Folklore Potentino

Canzone della tradizione popolare potentina qui interpretata da Salvatore Idà.

Potenza è un comune italiano di 67.161 abitanti, capoluogo della regione Basilicata e della provincia omonima. È il primo comune della regione per popolazione e l’undicesimo per superficie.

TESTO

Ie facc’ lu bracciale e nun lu nèa
e so cuntènt, e so cuntènt assaie.

Nun l’abbanduneragg’ mai mai:
la zappa, li zampitt’ e lu pagliare.

Mo me zappa durtiscièdd’
mo me zappa lu semenare.

E ogn’anne nu purciedd’,
nun m’ l’aggia fa mai mancà.

Tigne na vigna accant’ a la fiumara,
me pare na canèstra chièna d’uva.

Tigne na casa ‘ndrète a lu pagliare,
ca quann’ trase vire lu monn’ nuove:
Int’ è chiéne d’ patate,
savucicchie e vine nuovo;
chi la iàsca e chi l’ucciuòlo,
ie me sènt’ d’arricrià.

Dumènea m’aggia mètt’ lu varnièdd’,
ca aggia gì apprèss’ a la prègissiona;
ca è la fèsta d’ lu Protettore,
ca sta desposte sova lu muraglione.

San Gerarde protettore,
de Putenza generale:
gnara piglià lu male
a chi l’hadda desprezzà.