Riccardo Marasco – La Sora Beatrice

Canzone del grande menestrello fiorentino Riccardo Marasco.

TESTO


La ‘sora Beatrice
Sui’pprincipio di’mmilletrecento
la Beatrice faceva la spesa
ai’mmercato di Via dell’Ariento
e diceva alla Sora Teresa
“Un giorno o l’altro te lo saluto, piglio i’ffattuto e me ne vò!”

“Ma icchè la mi dice signora Beatrice?
Si credeva la fosse felice di avè per amante, nientemeno che Dante,…
ma icchè la mi dice signora Beatrice,
ma icchè la mi dice signora Beatrice?”

“Ll’è una cosa che la un si rimedia,
creda a me, non si tira più avanti!
Tutt’iggiorno mi fa la commedia
poi, la notte la passa sui canti…
un giorno o l’altro te lo saluto, piglio i’ffattuto e me ne vò!”

“Ma icchè la mi dice signora Beatrice?
Si credeva la fosse felice di avè per amante, nientemeno che Dante,…
ma icchè la mi dice signora Beatrice,
ma icchè la mi dice signora Beatrice?”

“Eh! La sapesse che tipo ll’è quello
co i’ssu fare da gran padreterno
gl’ha chiamato l’italia un bordello
ll’ha mandato anche i preti all’inferno…
un giorno o l’altro te lo saluto, piglio i’ffattuto e me ne vò!”

“Ma icchè la mi dice signora Beatrice?
Si credeva la fosse felice di avè per amante, nientemeno che Dante,…
ma icchè la mi dice signora Beatrice,
ma icchè la mi dice signora Beatrice?”

“Eh! Come tutta la gente villana
e un cc’è verzi, nessuno rispetta!
Alla Taide, gli ha detto: PUTTANAH!
…poi… coi’cculo gli ha fatto trombetta!
un giorno o l’altro te lo saluto, piglio i’ffattuto e me ne vò!”

“Ma icchè la mi dice signora Beatrice?
Si credeva la fosse felice di avè per amante…