Fronni d’alia

Pino De Vittorio e Marco Beasley

Fronni d’alia” – Canto tradizionale di Pino De Vittorio e Marco Beasley.

CD: Fra’ Diavolo – La Musica nelle Strade del regno di Napoli.

Questa antica canzone popolare, probabilmente originaria della Basilicata, riguarda il costume di far sposare le ragazze giovani a dei vecchi facoltosi, ma anche la possibilità, per la ragazza, di mantenersi vergine per i primi tre giorni, invocando un voto di castità fatto a qualche santo, per poter poi scappare e far decadere il matrimonio in quanto “non consumato”, come recita l’ultima strofa, la risposta della ragazza al padre: “La prima volta io lo gabberò”. [fonte: lyricstranslate.com]

TESTO

“Fronni d’alia, attaccati li tricci
ca lu tu’ patri t’a da marità.”

“Ahi papa, papi, haj me marità
dimmi to’ a ci mi vuj’ dà.”

“A cunte Maggio t’haj a pigghià.”
“La primma vota i’ l’agghie ‘a jabbà!”