E Vvui durmiti ancora

Giuseppe La Ganga

YouTube player

Giuseppe La Ganga canta suona alla fisarmonicaE Vvui durmiti ancora“, poesia siciliana scritta da Giovanni Formisano nel 1910 e musicata da Gaetano Emanuel Calì.

Curiosità: sul fronte della Carnia, durante la prima guerra mondiale, in un momento di pausa un giovane soldato siciliano prese la sua chitarra e, al chiar di luna, intonò la canzone. Il silenzio che aleggiava dava voce solo alle note della mattutina. Al termine dell’esecuzione si sentirono improvvisamente le urla di apprezzamento degli austriaci, avversari sul campo, ma compagni emotivamente: non arrivavano a capirne il senso, ma rimasero incantati dalla bellezza della musica. Come a dire che la musica supera le barriere, anche in guerra.

TESTO

Lu suli è già spuntatu ‘ntra lu mari
e vui bidduzza mia durmiti ancora,
l’aceddi sunnu stanchi di cantari
e affriddateddi aspettanu ccà fora,
supra ‘ssu balcuneddu su’ pusati
e aspettanu quann’è cca v’affacciati
Rit-Lassati stari, non durmiti chiùi,
ccà ‘mmenzu a iddi dintra a ‘sta vanedda
ci sugnu puru iù ch’aspettu a vui
pri vidiri ‘ssa facci accussi bedda
passu ccà fora tutti li nuttati
e aspettu puru quannu v’affacciati
Li ciuri senza vui nun ponnu stari
su tutti cu’ li testi a pinnuluni,
ognunu d’iddi nun voli sbucciari
si prima non si grapi ‘ssu balcuni,
dintra li buttuneddi su’ ammucciati
e aspettanu quann’è ca v’affacciati
Rit– Lassati stari…

TRADUZIONE

Il sole è già spuntato in mezzo al mare
e voi bellezza mia dormite ancora,
gli uccelli sono stanchi di cantare
e infreddoliti aspettano qua fuori,
sopra questo balconcino sono posati
e aspettano quand’è che vi affacciate
Rit-Lasciate stare, non dormite più,
che in mezzo a essi in questo vicolo
ci sono pure io che aspetto voi
per vedere questo volto così bello
passo qui fuori tutte le notti
e aspetto anche quando vi affacciate
I fiori senza di voi non possono stare
sono tutti con la testa penzolante
ognuno di essi non vuole sbocciare
se prima non si apre questo balcone
dentro il bocciolo sono nascosti,
e aspettano quand’è che vi affacciate
Rit– Lasciate stare…

Puoi scrivere ulteriori informazioni e il TESTO nei commenti. GRAZIE.

Questo articolo ha un commento

  1. antonio cantatore di roma

    bellissima poesia e cantata

Lascia un commento