Vola vola

Coro Abruzzo

Coro Abruzzo e canzone tradizionale all’Expo di Milano.

Vola vola vola” è un brano musicale di Albanese e Dommarco del 1908. Scritto in dialetto ortonese, allude nel titolo e nel testo a un gioco infantile, pretesto per un ricordo d’amore. Fu presentato al Concorso regionale per la festa delle canzoni nel 1922 e vinse poi il Festival della canzone italiana di Parigi nel 1953. Raro esempio di canzone popolare italiana dialettale non napoletana di successo internazionale, Vola vola vola è assurta nel tempo a canzone abruzzese per antonomasia, quasi un «inno regionale», conoscendo numerose incisioni. (Wikipedia.org)

TESTO

Vulésse fà ‘rvenì pe’ n’ora sole
lu tempe belle di la cuntentèzze,
quande pazzijàvam’ a “vola vole”
e te cupre’ di vasce e di carezze.

E vola vola vola vola,
e vola lu pavone;
si tiè lu core bone
mo fàmmece apruvà!

‘Na vote, pe’ spegnà lu fazzulette,
so’ state cundannate di vasciarte.
Tu ti sci fatte rosee e mi scì dette
di ‘nginucchiarme prime e d’abbracciarte.

E vola vola vola,
e vola fu gallinacce;
mo’ se mi guardi ‘n facce
me pare di sugnà.

Come li fiure nasce a pprimavere
l’ammore nasce da la citilanze.
Marì, se mi vuò bbene accòme jere,
né mi luvà stù sogne e sta speranze.

E vola vola vola,
e vola lu cardille;
nu vasce a ppizzichille,
né mme le può negà!

Clicca per votare l'esibizione
[Voti: 0 Media: 0]