Ciuri Ciuri & Vitti na’ crozza

Piero Del Vecchio

Ciuri Ciuri e vitti na’ crozza” cantata da Piero Del Vecchio, alla chitarra Arturo Di Natale, alla fisarmonica Giuseppe Ferrara. Musica popolare Siciliana.

TESTO

(Ciuri ciuri)

Sciuri, sciuri, sciuri di tuttu l’annu
l’amuri ca mi dasti ti lu tornu.
Sciuri, sciuri, sciuri di tuttu l’annu
l’amuri ca mi dasti ti lu tornu.
La, la, la, la, la, la, la, la, la, la, la.
Lu sabutu, si sapi, allegra cori,
beatu cu avi bedda la mugghieri.
Cu l’avi bedda ci porta i dinari,
cu l’avi brutta ci morì lu cori.
Sciuri, sciuri, sciuri di tuttu l’annu
l’amuri ca mi dasti ti lu tornu.
Sciuri, sciuri, sciuri di tuttu l’annu
l’amuri ca mi dasti ti lu tornu.
La, la, la, la, la, la, la, la, la, la, la.
Si troppu dispittusa tu cu mia,
cascu du’ letto si mi ‘insonnu a tia.
Si brutta n’ta la faccia a n’ta lu cori
amaro cu ti pigghia pi mughieri.
Sciuri, sciuri, sciuri di tuttu l’annu
l’amuri ca mi dasti ti lu tornu.
Sciuri, sciuri, sciuri di tuttu l’annu
l’amuri ca mi dasti ti lu tornu.
La, la, la, la, la, la, la, la, la, la, la.
Sciuri di rosi russi a lu sbucciari,
amaru l’omo ca fimmini cridi.
Amaro cu si fa supraniari,
l’uscio di paradisu non ni vidi.
Sciuri, sciuri, sciuri di tuttu l’annu
l’amuri ca mi dasti ti lu tornu.
Sciuri, sciuri, sciuri di tuttu l’annu
l’amuri ca mi dasti ti lu tornu.
In italiano corrente
Fiore, fiore, fiore di tutto l’anno
l’amore che mi hai dato te lo restituisco.
Fiore, fiore, fiore di tutto l’anno
l’amore che mi hai dato te lo restituisco.
La, la, la, la, la, la, la, la, la, la, la.
Il sabato, si sa, rallegra il cuore,
beato chi ha la moglie bella.
Chi l’ha bella gli porta i soldi,
chi l’ha brutta gli muore il cuore.
Fiore, fiore, fiore di tutto l’anno
l’amore che mi hai dato te lo restituisco.
Fiore, fiore, fiore di tutto l’anno
l’amore che mi hai dato te lo restituisco.
La, la, la, la, la, la, la, la, la, la, la.
Sei troppo dispettosa tu con me,
casco dal letto se ti sogno.
Sei brutta in faccia e nel cuore,
soffrirà chi ti prende in moglie.
Fiore, fiore, fiore di tutto l’anno
l’amore che mi hai dato te lo restituisco.
Fiore, fiore, fiore di tutto l’anno
l’amore che mi hai dato te lo restituisco.
La, la, la, la, la, la, la, la, la, la, la.
Fiore di rose rosse allo sbocciare,
triste l’uomo che crede nelle donne.
Triste colui che si fa soggiogare,
la porta del Paradiso non la vede.
Fiore, fiore, fiore di tutto l’anno
l’amore che mi hai dato te lo restituisco.
Fiore, fiore, fiore di tutto l’anno
l’amore che mi hai dato te lo restituisco.
(Vitti na crozza)

Vitti na crozza supra nu cannuni
fui curiuso e ci vossi spiare
idda m’arrispunniu cu gran duluri
murivi senza un tocco di campani
la la la lero
la lero la lero
la lero la lero
la lero la la
si nni eru si nni eru li me anni
si nni eru si nni eru un sacciu unni
ora ca sugnu vecchio di ottantanni
chiamu la morti i idda m arrispunni
la la la lero
la lero la lero
la lero la lero
la lero la la
cunzatimi cunzatimi lu me letto
ca di li vermi su manciatu tuttu
si nun lu scuntu cca lume peccatu
lu scuntu allautra vita a chiantu ruttu
la la la lero
la lero la lero
la lero la lero
la lero la la
c’e’ nu giardinu ammezu di lu mari
tuttu ntssutu di aranci e ciuri
tutti l’acceddi cci vannu a cantari
puru i sireni cci fannu all’amurio
la la la lero
la lero la lero
la lero la lero
la lero la la
la la la lero
la lero la lero
la lero la lero
la lero la la
la la la lero
la lero la lero
la lero la lero
la lero la la.