Ciliento

Nello Rizzo ft HOPE

Ciliento” di Nello Rizzo ft HOPE (Video ufficiale). Un brano che parla della nostra terra… un mondo da scoprire, da vivere, da visitare e da raccontare. Si ringrazia Silvia Villano che erroneamente nn è stata inserita nei titoli di coda. Testo, musiche e arrangiamenti di Nello Rizzo. Alla voce Nello Rizzo e Antonietta Speranza (HOPE). Al violino Amleto Livia. Registrazione, mix e master effettuato presso il Cilento Record. Video a cura di Nello Rizzo. Per info e contatti: 346.6763292 – [email protected]

TESTO

La vecchia ca sta arreto a la fenestra
Te sape rice tutti li fatti tuoi
Ca si te vere pe miezzo a la via
Si gghiuricata prena e manco Cristo lu sapia.
Lu viecchio ca è assettato annanzi a la putea
Te guarda cu na faccia assai curiosa
Te face cu la mano vieni vieni
Sulamente pe te rice “ne wagliò ma a chi appartieni?”

E miezzo a na piazzetta tre criature
La mamma ca s’affaccia a la fenestra
R’allucca “figlio caro torna priesto
Si no po quanno sagli angappi pur u riesto”.
La nonna c’u nipote nnandi casa
L’alliscia chiano chiano e se lu vasa
E tra leggende e cunti antichi e belli
L’appaura tra ianare e munacielli.

Rit. Ciliento ca te vanto mmiezzo a ciento
Ciliento re brianti e re cantanti
Ciliento tra lu mari e tra lu viento
Ciliento ccà se campa fino a ciento.

Lu patre re famiglia lu ricunusci
Ca torna scusciuliato ra la campagna
Te rice sorridente e soddisfatto
“i bbuò sti pummarole c’aggia fatto?”
E mentre te regala nu panaro e pummarole
Esse sculettanno ra ind’a nu purtone
La figlia ca nu re piace proprio la fatia
E u patre ca iastema comm’a nu turco pe la via.
“Marì mannaggia a te ma a chi si figlia?
Ma mammata lu sape ca si assuta?”
“papà aggia ì a la messa cu Cuncetta”…
Ma Peppo rind’a u vucculo l’aspetta

Rit… Ciliento ca te vanto miezzo a ciento…

Mo v’aggia fa nu fatto ca ve parrà assai strano
Nu cunto re tre vecchie che sono ancora vive.
Stateve accorte mo e sentiti bbuono…
Ca chisto è nu cunto vero, gruosso quant’a nu truono.

Lu iuorno re la festa re lu patrono
La vecchiarella se va a cunfessare…
“Don Frà stanotte io v’aggia sunnato
Vui me lu riveve e io l’aggia pigliato”
A u frisco parlano ddoie vecchiarelle,
Se contano li fatti parsunali…
“Nannì ma a te mariteto s’attizza?”
“Santì c’a mmericina chiro ancora u mbizza!”.

Rit. Ciliento ca te vanto mmiezzo a ciento,
Ciliento re brianti e re cantanti.
Ciliento tra lu mare e tra lu viento.
Ciliento ccà se campa fino a ciento.
Ciliento terra verde e rigogliosa.
Ciliento re banchetti e prucessiuni.
Ciliento tra li viculi e purtuni.
Ciliento ammore odio e sentimiento.

TRADUZIONE

La vecchietta che sta dietro la finestra
Sa dirti tutti i fatti tuoi,
E se ti vede passeggiare per strada
Ti giudica incinta e nemmeno Dio ne è a conoscenza.
Il vecchietto seduto davanti al negozio
Ti guarda in modo molto strano,
Ti fa segno con la mano di avvicinarti
Soltanto x chiederti “Giovane
Ma a chi sei figlio?”

E in mezzo a una piazzetta tre bambini,
Una mamma si affaccia alla finestra
Gli grida “figlio caro torna presto
Altrimenti quando torni ti picchio”.
La nonna col nipote davanti casa
Lo accarezza pian piano e lo bacia
E tra leggende e racconti antichi e belli
Lo spaventa tra streghe e “munacielli” (piccolo monaco fantasma che vagava e faceva dispetti nelle case antiche).

Cilento che ti vanto in mezzo a cento.
Cilento di briganti e di cantanti.
Cilento tra mare e vento.
Cilento qua si vive fino a cento anni.

Il padre di famiglia lo riconosci
Che torna stanco di lavoro dalla campagna.
Ti chiede sorridente e soddisfato
“vuoi un po’ di pomodori che ho raccolto?”
E mentre ti regala un cesto di pomodori
Esce ancheggiando da dentro un portone
La figlia a cui nn piace lavorare
E il padre “bestemmia come un turco” (modo di dire cilentano per persone che imprecano molto) per strada.
“Maria mannaggia a te ma a chi sei figlia?
Ma tua madre lo sa che sei uscita?”
“Papà devo andare in Chiesa con Concetta”,
Ma Giuseppe (presunto fidanzato) l’aspetta in un vicolo x vedersi.

Rit.

Adesso voglio farvi un racconto molto strano,
Un racconto di tre vecchiette ancora vive…
Ora state attenti e ascoltate bene
Che questo è un racconto verissimo (gruosso comm’a nu truono=grande quanto un tuono)

Il giorno della festa patronale in paese
La vecchietta va a confessarsi
“Don Franco io stanotte vi ho sognato
(trad. Letteraria voi me lo davate io l’ho preso… Modo x dire che hanno avuto un rapporto sessuale)
Al fresco parlano due vecchiette
Si raccontano fatti privati…
Nannì (abbrev. Anna) ma tuo marito è prestante (sessualmente parlando)
Santì (Santina) col viagra ancora è attivo.

Rit. (prima parte uguale)
Cilento terra verde e rigogliosa
Cilento tra sagre e processioni.
Cilento tra vicoli e portoni.
Cilento, amore, odio e sentimento.

Clicca per votare l'esibizione
[Voti: 2 Media: 4]