Cicirinella in tonalità LA#

Canzone popolare

La famosa canzoncina popolare Cicirinella“, interpretata da: Enrico Signoretti all’organetto gara marca De Angelis in tonalità LA#; Andrea Aloisi alle tastiere ed accompagnamento; Gianluca Schiavoni, Alessandro Censori e Simona Cenfi al canto.

“Cicerenella” (letteralmente “Piccolo cece“) è una canzone popolare napoletana scritta da autori ignoti nel XVIII secolo e diffusasi in epoca romantica. È considerata una vera e propria tarantella, difatti nel corso dell’Ottocento fu diffusa col titolo specifico di Tarantella di Posillipo. La musica è caratterizzata dall’uso delle castagnette e dei tamburelli.

TESTO

Cicirinella teneva teneva che teneva che teneva
Cicirinella teneva teneva che teneva che teneva
Cicirinella teneva ‘nu cane muccicave a li cristiane
muccicave a li giovene belle era lu cane di Cicirinella
muccicave a li giovene belle era lu cane di Cicirinella
Cicirinella olè Cicirinella olè olà Cicirinella olè Cicirinella olè olà

Cicirinella teneva teneva che teneva che teneva
Cicirinella teneva teneva che teneva che teneva
Cicirinella teneva ‘na gatta era sorde ceche e matte
n’artenave né osse né pelle era la gatta di Cicirinella
n’artenave né osse né pelle era la gatta di Cicirinella
Cicirinella olè Cicirinella olè olà Cicirinella olè Cicirinella olè olà

Cicirinella teneva teneva che teneva che teneva
Cicirinella teneva teneva che teneva che teneva
Cicirinella teneva ‘na vacca azzava la cota e mostrava la ‘ntacca
ndacca ndacca e ndaccarelle era la vacca di Cicirinella
ndacca ndacca e ndaccarelle era la vacca di Cicirinella
Cicirinella olè Cicirinella olè olà Cicirinella olè Cicirinella olè olà

Cicirinella teneva teneva che teneva che teneva
Cicirinella teneva teneva che teneva che teneva
Cicirinella teneva ‘nu tore si chiamave corna d’ore
quande passave tremave la terre era lu tore di Cicirinella
quande passave tremeve la terre era lu tore di Cicirinella
Cicirinella olè Cicirinella olè olà Cicirinella olè Cicirinella olè olà

Cicirinella teneva teneva che teneva che teneva
Cicirinella teneva teneva che teneva che teneva
Cicirinella teneva nu porche scarufave tutte l’orte
scarufave la ‘nzalatelle ere lu porche di Cicirinella
scarufave la ‘nzalatelle ere lu porche di Cicirinella
Cicirinella olè Cicirinella olè olà Cicirinella olè Cicirinella olè olà

Cicirinella teneva teneva che teneva che teneva
Cicirinella teneva teneva che teneva che teneva
Cicirinella teneva ‘nu vove tutte li jurne ci jave a lavoro
jì faciave ‘nu soleche belle era lu vove di Cicirinella
jì faciave ‘nu soleche belle era lu vove di Cicirinella
Cicirinella olè Cicirinella olè olà Cicirinella olè Cicirinella olè olà

Cicirinella teneva teneva che teneva che teneva
Cicirinella teneva teneva che teneva che teneva
Cicirinella teneva ‘nu galle che canteve pe’ tutta la valle
si zumbave le gallinelle era lu galle di ciccirinella
si zumbave le gallinelle era lu galle di ciccirinella
Cicirinella olè Cicirinella olè olà Cicirinella olè Cicirinella olè olà

Cicirinella teneva teneva che teneva che teneva
Cicirinella teneva teneva che teneva che teneva
Cicirinella teneva ‘e galline faceve ove sere e matine
l’ave’ ‘mbarate a magnà farinelle ere ‘e galline di Cicirinella
l’ave’ ‘mbarate a magnà farinelle ere ‘e galline di Cicirinella
Cicirinella olè Cicirinella olè olà Cicirinella olè Cicirinella olè olà

Cicirinella teneva teneva che teneva che teneva
Cicirinella teneva teneva che teneva che teneva
Cicirinella teneva na votte metteva da sopre e sceve da sotte
n’artenave stuppazze e cannele era la votte di Cicirinella
n’artenave stuppazze e cannele era la votte di Cicirinella
Cicirinella olè Cicirinella olè olà Cicirinella olè Cicirinella olè olà

Cicirinella teneva teneva che teneva che teneva
Cicirinella teneva teneva che teneva che teneva
Cicirinella teneva ‘nu spose j’addureve sempre la rosa
era proprio ‘na rosa bella era la rosa di Cicirinella
era proprio ‘na rosa bella era la rosa di Cicirinella
Cicirinella olè Cicirinella olè olà Cicirinella olè Cicirinella olè olà.