Canto di Mietitura

Canti e lavoro

Canto di Mietitura” – Estratto Tramontana 12 – Canti e lavoro. Ricercatore: Marco Magistrali
Luogo e data: Farindola (PE), Abruzzo, ITALIA, 21/05/2013.
Testimone: Bambina Miraglia.
Coordinate geografiche: 42.435003,13.811549

TESTO

E quanda vuji mete e sacci mete
e quanda vuji mete e sacci mete
e ugne mezz’ori na bona vrangate

e l’amora mi’ a ite a la vallata
e l’amora mi’ a ite a la vallata
ma ‘rporta lu taralle inzuccherato

e l’amora mi’ a ite a mmete a Roma
e l’amora mi’ a ite a mmete a Roma
e quando ritorna si chiama romano

e mò si ni va a calà lu sante sole
e mò si ni va a calà lu sante sole
e ci arrivedem dumano se Dio vuole
e ci arrivedem dumane se Dije vuole

e mò si ni va a calà si n’a calate
e mò si ni va a calà si n’a calate
e cari padroni paghice la jurnate
e cari padroni paghice la jurnate

Traduzione:
E quanto voglio mietere e so mietere
e ogni mezz’ora una buona bracciata

e il mio amore è andato alla vallata
mi riporta il tarallo inzuccherato

e il mio amore è andato a mietere a Roma
e quando ritorna si chiama romano

e adesso se ne va a calare il santo sole
e ci rivediamo domani se Dio vuole

e adesso se ne va a calare se n’è calato
e caro padrone pagaci la giornata

Canto di Mietitura - Canti e lavoro
Canto di Mietitura – Canti e lavoro
Clicca per votare l'esibizione
[Voti: 0 Media: 0]