La Fimminisca

Canto di Donne di Marinai

Canto di donne di marinai è un canto popolare siciliano, proveniente dal trapanese. E’ noto anche come La fimminisca o A la femminisca. E’ lo sfogo passionale di una donna che pensa al suo uomo in mare. Del brano si interessò anche Luciano Berio, che ne approntò una versione per voce e strumenti.

Per il Coro dell’Università e dell’Ersu di Palermo lo esegue qui Lidia Militello accompagnata alla chitarra da Pietro Gizzi. Esecuzione presso il Salone polifunzionale del Pensionato universitario San Saverio di Palermo del 3 luglio 2011.

TESTO

E Signuruzzu miu, faciti bon tempu
aiu l’amanti mia ‘nmenzu a lu mari
l’arvuli d’oru e li ‘ntinni d’argentu,
la Maronnuzza m’ava aiutari.
Chi pozzanu arrivari ‘nsarvamentu
e comu arriva na littra m’ha fari
ci ha mittiri du duci paroli,
comu ti l’ha passatu mari mari?
E arsira ‘nda ddu lettu era curcata
e Pippinedda chi cuntava l’uri
e l’acqua chi chiuvia chi era ilata
comu ti l’ha passatu amuri amuri?

TRADUZIONE:

A MODO DELLA DONNA

Eh! mio Signore, fate buon tempo
perchè ho l’amante in mezzo al mare
l’albero d’oro e le antenne d’argento,
la Madonnina deve aiutarmi.
Che possano arrivare in salvamento
e come arriva una lettera devo rispondere,
debbo mettere due dolci parole.
Come stai in mezzo al mare?
E ieri sera in quel letto ero coricata
e Peppinella che contava le ore
e l’acqua che pioveva, come era gelata
Come stai amore amore?

Clicca per votare l'esibizione
[Voti: 0 Media: 0]