ANTONIO GUASTAMACCHIA

 

Antonio Guastamacchia - Tricarico - Basilicata

WEBSITE

CONTATTI

Cell.  +39 3338417556

Guastamachiaantonio@libero.it

 

ANTONIO GUASTAMACCHIA, nato a Tricarico (MT) il 04/01/1949, Considerato il “the voice” della musica popolare italiana, è il custode della tradizione musicale Tricaricese, infatti egli riesce a trasmettere le peculiarità dei canti popolari essendo cresciuto con la terra, assaporando i suoi colori, i suoi odori, i suoi cambiamenti al ritmo delle stagioni; canti che ha appreso ascoltando il padre cantore e portatore di serenate. Ha affermato più volte che la sua “mission” è quella di ricercare le melodie della tradizione popolare Tricaricese, in cui il canto accompagnava ogni fase della vita dell’uomo, dal lavoro, all’amore, il carnevale e infine la morte.

A 18 anni è stato emigrante, poi dopo diversi anni è ritornato al paese dove incontra Antonio Infantino che lo invita a cantare con lui nel gruppo dei Tarantolati di Tricarico. E’ tra le più belle voci arcaiche che abbiamo in Italia, ha collaborato con Antonio Infantino con il quale ha suonato in numerosi concerti e partecipato all’incisione del disco «La MORTE BIANCA» di A. Infantino e il Gruppo di Tricarico uscito nel 1976.

Nel 2000 è tornato ad far parte dei Tarantolati di Tricarico fino al 2012, partecipando attivamente alla produzione discografica di quegli anni: “Andamenare” è il Cd che esce nel 2000 che contiene alcuni brani composti da lui; “U’ Scuatasc” del 2006 che contiene due brani da lui composti (Munakcll’ e Kat’-katrsce) utilizzati come parte della colonna sonora del film di Monicelli dal titolo”le Rose del deserto”.

Nel 2013 finita la stagione con i Tarantolati di Tricarico ha fondato un suo gruppo «Antonio Guastamacchia le tradizioni popolari» con il quale ha eseguito concerti in tutta Italia. Dal 2013 al 2016 collabora alla produzione discografica di alcuni colleghi Musicisti Lucani. Nel 2017 ha partecipato alla realizzazione di un CD “Vurria diventan’ na verde spina” canti di amore della tradizione popolare, con l’incisione di n° quattro suoi brani. Tale progetto è stato promosso dall’ associazione culturale “Savoia terra mia” con il patrocinio del Comune di Savoia di Lucania.

Con il suo canto popolare ha partecipato e partecipa a concerti con Bande e Corali, nello specifico con la Banda di Tolve, diretta dal maestro Rocco Mentissi, con musiche composte dalle stesso maestro ha realizzato due canti: “Munakcll’ e “canto in onore di San Rocco”. Ha partecipato nel 2018 alla realizzazione un documentario antropologico da parte dello Studio Namias promosso dalla Regione Basilicata “patrimonio culturale Basilicata” sul “canto popolare di Tricarico”. E’ intervenuto in varie trasmissioni televisive sulla musica e le tradizioni popolari tra i quali: “l’Italia che risuona” di Ambrogio Sparagna su Rai 3 nel 2014.

Costruttore di strumenti arcaici della tradizione popolare “cubba cubba” (tamburi a frizione) e “tamburelli” (tamburi a cornice), ha partecipato alla realizzazione di un video sulla costruzione del tamburello come si faceva una volta. Svolge attività di divulgazione, presso le Scuole della Basilicata di vario ordine e grado sul Recupero di materia e delle tradizioni popolari, realizzando strumenti arcaici “cubba cubba” e “tamburelli” con materiali di scarto.

Clicca per votare l'esibizione
[Voti: 0 Media: 0]